Lane Appleton, “croce e delizia” delle moderne ricamatrici

Data di inserimento: 21/01/2011
AppletonDa poco più di due settimane, siamo entrati nel secondo decennio del Terzo Millennio! Eppure, oggi vi voglio parlare di una realtà che sembra avere – per scelta o per coincidenza – poco a che fare con la frenesia tecnologica che ha caratterizzato gli ultimi vent’anni del 1900 (oddio! Fa quasi paura dirlo!!!) e, forse anche di più, i primi dieci del 2000!
Il perché di questa scelta di “tediarvi” con un argomento un po’ anacronistico è presto detto: riguarda tutte noi. Il nome dell’argomento è quello di un marchio produttore di filati che ormai gran parte di voi avranno imparato a conoscere: Appleton.
A questo nome fa capo uno dei più rinomati produttori di filati di lana che esista sul mercato: le loro lane sono utilizzate praticamente a ogni latitudine, per i ricami più preziosi, come quelli firmati da Beth Russell, che vendiamo anche noi.

Parliamo di lane proposte in uno splendido arcobaleno di colori, in matassine e “matassone” a prezzi ragionevoli e con una qualità davvero superiore!
E, fin qui, la parte del titolo “delizia”... E la “croce” dove sta?
La “croce” sta nel fatto che, nonostante la giusta fama - data l’indubbia qualità dei suoi filati di lana, che sono ben felice di ribadire – di Appleton, stiamo parlando di una società che lavora senza computer, aborrisce qualsiasi tipo di comunicazione via email e fa persino fatica a usare il fax: tanto che, di preferenza, comunica inviando lettere per posta ordinaria!
Lo so: starete strabuzzando gli occhi e pensando “non ci si può credere”!
Eppure è proprio così: quando abbiamo deciso, spinti dalle moltissime richieste che abbiamo sempre ricevuto, di mettere a catalogo questi filati e aggiungere Appleton alla nostra già molto nutrita lista di fornitori, non potevamo certo immaginare che ciò avrebbe implicato tempi di attesa lunghissimi, a trattare con qualcuno esclusivamente via fax o telefono e a ricevere fatture e lettere scritte con la Lettera 36 di Olivetti!!! Ma questo è!
Lo so, suona buffo e, in un certo qual senso, lo è anche di più per noi, che siamo “votati a Internet” per ovvie ragioni! Tuttavia, la parte divertente finisce laddove cominciano le telefonate, le attese, l’obbligo di rispondere ogni giorno a tante di voi che sono in attesa di ricevere il proprio ordine che noi non possiamo spedire, perché mancano le lane Appleton! Insomma, buffo in certa misura, ancorché tragico, visti i ritmi con cui oggi siamo tutti obbligati a lavorare!
Sia chiaro: abbiamo deciso di parlare di tutto questo con voi certamente non per creare sterili polemiche, o, peggio ancora, con la volontà di sparlare e spettegolare alle spalle di un nostro fornitore, che comunque stimiamo e con il quale vogliamo continuare ad avere il miglior rapporto di lavoro e personale possibile: non è nel nostro stile e credo che tutte voi lo sappiate Quanto vi sto rivelando, tra il serio e il faceto, ha un unico scopo: sgomberare il campo da ogni possibile, e spiacevole, equivoco sugli inevitabili ritardi che negli ultimi tempi sono stati causati proprio dalla consegna di questi filati!
Ripeto: Appleton è un’azienda seria, capace di garantire una qualità difficilmente reperibile, in questo secolo di dominio del “Made in China”. Solo che ha scelto di continuare a lavorare come si faceva cinquant’anni fa: è una loro scelta, che non possiamo che rispettare – dato che, forse, anch’essa concorre a mantenere cristallizzato nel tempo un livello di qualità superiore – però, tale scelta ricade immancabilmente sui tempi di evasione dei nostri ordini a loro e di quelli vostri a noi... Perché lavorare artigianalmente in un mondo che va all’altissima velocità della moderna tecnologia significa questo: rinunciare ai tempi brevi, permettendosene di lunghi – talvolta lunghissimi, anche semestrali, nel caso, ad esempio, dei bagni di colore – in nome di una filosofia che, forse, sarà difficile da comprendere per noi, ma che tuttavia – evidentemente – tanto campata in aria non è, vista l’incessante richiesta di questi filati e la soddisfazione di tutte le loro utilizzatrici: ricamatrici moderne, come me e voi, che, una volta tanto, dovranno piegarsi alla logica dell’attesa!
Lo so e comprendo: piegarsi all’inevitabile e aspettare non piace a nessuno!
Però, mettiamola così: spesso, l’attesa aumenta il piacere (lo dico senza malizia, credetemi ) e, almeno questa volta, la nostra attesa non corrisponderà ad un’aspettativa delusa! Parola di una che sta ricamando questo tappeto: Achantus.

e che è già letteralmente terrorizzata all’idea di dovere, un giorno, metterlo sul pavimento e calpestare, tanto è spettacolare!!!
Ovviamente, sono pronta a rispondere a qualsiasi vostra domanda in proposito e ad accogliere volentieri ogni vostro commento
Un abbraccio a tutte, allora, e... Alla prossima!

PS.: proprio oggi abbiamo ricevuto dall’Inghilterra il nostro nuovo ordine Appleton... Stiamo (già) provvedendo a caricare tutte le lane e, almeno per alcune di voi, l’attesa è finita!!!

Condividilo su:

Risposte   Visualizza ...

Accedi per poter aggiungere commenti.

Prodotti da tenere presente - Consigliati in base a quanto stanno consultando in questo momento altri clienti
Sconto 5%
Se ti iscrivi ora alla Newsletter
Visa - American Express - Mastercard - Sofort - iDeal - Paypal - Diners Club - Postepay - CartaSI
© Cenina S.r.l. - IVA : IT01651310516 - R.E.A. 128424
Fax: +39-0575-033115 - Tel: +39-0575-421407 - E-Mail: shopping@casacenina.com